Dalla terra al cuore… con sapore e dolcezza!

Si è concluso il nostro percorso degustativo, grazie alla infinita generosità delle nostre aziende produttrici. Di chi con il cuore e con grande maestria si impegna quotidianamente per rivivere e rivisitare i sapori e le dolcezze che la nostra amata Caulonia offre!

Vini e birre artigianali, lievitazioni biologiche particolari, la bontà della pasta integrale biologica, agrumi autoctoni come il famoso “Biondo della spina”, creazioni dolciarie con prodotti di prima scelta, varietà di mieli biologici locali, la gustosissima arte casearia, deliziose granite e l’oramai famoso ‘Ndujattone.

Ci siamo ritrovati catapultati nel passato attraverso il meraviglioso mondo del baco da seta e le sapienti mani dei cestinai di Caulonia.

La serata è stata deliziata anche dalle note dell’acoustic duo “Perfecto 618” come anche dalla slitta di Babbo Natale e i suoi cavalli tanto attesi dai bambini già dalle h16:00 con l’intrattenimento equestre e conseguenti passeggiate sulla slitta per le vie del paese e la possibilità di andare a cavallo gratuitamente per i più piccoli.

Un sincero ringraziamento al Baywatch con le sue granitose prelibatezze alla mandorla, al bergamotto, all’arancia, alla fragola e alla viva simpatia di tutto lo staff.

Uno speciale ringraziamento all’azienda vinicola “Feudo Calderone”di Roberto Oppedisano e al suo Nero di Calabria dal sapore deciso che è riuscita a scaldare le ore gelide della serata con un profumato e delizioso vin brulè.

Ringraziamo anche il Pastificio Sole di Calabria “Riccioli d’oro” di Ermanno Lucano che, con un’ampia gamma di formati di pasta ai grani italiani trafilata al bronzo, riesce a soddisfare ogni tipo di richiesta.

Un sentito grazie all’azienda di Teresa Peronace ed Elisabetta Procopio che hanno dato dimostrazione dell’utilizzo del miele nella cosmesi con i suoi Lipstick e Honey Soap e per le belle creazioni artigianali con la terracotta e l’uncinetto.

Quando il guizzo creativo unisce il dolce al salato, ne viene fuori lo ‘ndujattone di Marco Macrì, un panettone con le gocce di ‘nduja di qualità che sprigiona al palato una prima nota dolce, seguita da una seconda leggermente piccantina ma così ben amalgamata da lasciare la sensazione di un’unica nota innovativa.

Quando le note dolci e agrumate si uniscono in un perfetto connubio di selezioni ricercate non possiamo non degustare le creazioni del Planet Caffè Pasticceria che, con la presentazione del nuovo panettone ai tre cioccolati e dello spritz al “Biondo della Spina”, fiore all’occhiello dell’azienda di Ilaria Campisi, ha dato nuovo sfoggio della maestria e dell’esperienza di anni di ricerca.

L’azienda agricola Vozzo e il Panificio “Sapore e salute” di Mammone ci hanno stupito con il pane di grano duro macinato a pietra, arricchito dai sapori decisi della ‘nduja, della cipolla, delle noci e delle olive dalle quali estraggono un ottimo olio extravergine.

Grazie al Caseificio ILMA che quotidianamente visita le nostre case con i suoi lavorati speziati, pepati e facilmente abbinabili a note dolci, salate o corpose come un buon rosso locale.

Che dire del Birrificio J4 di Nicola Tuccio che con le sue tre birre rigorosamente artigianali e sapientemente bilanciate ha mantenuto alto il tono della serata fino alla fine, regalandoci armonia e tante risate.

Grazie alla cantina Feudo Gagliardi che con il suo Castrum Vetus IGP ha rappresentato degnamente una delle realtà vinicole di Caulonia.

Il caseificio Gioiella ci ha deliziato sin dalla prima serata con una burrata decisa ma super cremosa e la bontà delle mozzarelle di bufala.
Grazie per averci sostenuto fino alla fine.

Grazie al mielificio Spanò per averci raggiunto e fatto scoprire un nuovo favoloso abbinamento di miele e ricotta e il profumo del miele di acacia.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui